Terre di Prato - Organismo di Composizione della crisi

loghisitowebJPEG
ladyjusticesfumatalarga

La Giustizia dei cittadini

Chiedi informazioni

Terre di Prato - Organismo di Composizione della Crisi

depositphotos26979543-stock-illustration-scales-of-justice

Chiedi informazioni

SOGGETTI CHE POSSONO ESSERE AMMESSI ALLA PROCEDURA


1. Consumatore definito, ai sensi dell’art.6, comma 2, lett. b), della legge n. 3/2012 come il come "debitore persona fisica che ha assunto                                                      obbligazioni   esclusivamente per scopi estranei all'attività imprenditoriale professionale eventualmente svolta";

2. Imprenditori commerciali sotto soglia di fallimento (art 1 comma 2 L. F.): non sono soggetti a fallimento tutti gli imprenditori (a prescindere da                                     qualsiasi forma societaria) che pur esercitando attività commerciale possono dimostrare il possesso congiunto dei                                                             seguenti requisiti negli ultimi tre anni :

                               - un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro 300.000 ;

                              - ricavi lordi per un ammontare complessivo non superiore ad euro 200.000;

                              - un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro 500.000.

3. Imprenditore  cessato da oltre un anno: l’imprenditore individuale, che si è cancellato dal registro delle imprese da oltre un anno e che ha le                                          dimensioni (parametri) di un soggetto fallibile, può ricorrere alle procedure di sovraindebitamento. Questi infatti non possono                                        essere  dichiarati falliti, ex art. 10 l.f.. Tuttavia, non si può escludere che tali debitori vengano successivamente dichiarati falliti, ai                                    sensi dell’art. 10, comma 2, l.f., qualora sia dimostrato che l'effettiva cessazione sia successiva alla cancellazione. In tal caso,                                            secondo l’art. 12, comma 5, legge n. 3/2012, la dichiarazione di fallimento risolve l’accordo con i creditori anche se omologato.

4. Imprenditore agricolo, in quanto soggetto non fallibile, può accedere alla procedura di sovraindebitamento;

5. L'erede dell'imprenditore defunto: l’imprenditore defunto può essere dichiarato fallito fino ad un anno dalla sua morte. Nel caso in cui l’erede                                       abbia accettato l’eredità con beneficio d’inventario, continuando l’attività imprenditoriale del de cuius, non verificandosi la                                               confusione tra i patrimoni del primo e del secondo, l’erede potrà proporre ai creditori dell’eredità una procedura di                                                             sovraindebitamento dopo che sia trascorso un anno dalla morte del suo dante causa;

6. I Professionisti, gli artisti e gli altri lavoratori autonomi: sono liberi professionisti coloro che decidono di subordinare la propria attività                                              professionale, intesa come complesso di atti e regole, alla vigilanza di un ente pubblico preposto per legge alla tutela del decoro e                                  della dignità della professione. Tutti gli altri possono, a ragione, ritenersi prestatori d’opera intellettuale e dunque lavoratori                                            autonomi. Tali soggetti, ontologicamente sottratti all’area della fallibilità, potranno accedere alle procedure di sovraindebitamento.

7. Le società tra professionisti: considerato che le società tra professionisti esercitano solo ed esclusivamente un’attività strettamente                                                      professionale, si dovrebbe concludere per la non assoggettabilità alle procedure concorsuali e, quindi l'applicabilità della legge n.                                  3/2012.

8. Le associazioni professionali: possano accedere alla procedure di sovraindebitamento, si rende però necessaria la sottoscrizione congiunta di                                     tutti gli associati professionisti.

9. Gli Enti privati non commerciali: con la definizione di enti privati non commerciali si intendono quegli enti, forniti o meno di personalità giuridica,                                che esercitano attività senza scopo di lucro e che hanno una rilevanza sociale occupandosi, a titolo esemplificativo, di assistenza                                    sociale, cooperazione e solidarietà anche internazionale, promozione del volontariato, tutela dei diritti. Tali enti però, quando                                         svolgono parzialmente attività commerciale, sono da ritenersi assoggettabili alle procedure concorsuali - e per espressa previsione                                di legge alla liquidazione coatta amministrativa in particolare - a condizione che ricorrano le condizioni di cui di cui all’art. 2,                                              comma 2, l.f.. Rientrano nella categoria in questione, i seguenti enti:

                               - Associazioni riconosciute ex art. 14 e ss. c.c.;

                               - Fondazioni riconosciute ex art. 14 e ss. c.c.;

                               - Associazioni non riconosciute ex art. 36 e ss.c.c.;

                               - Comitati ex art. 39 e ss.c.c.;

                               - Organizzazioni di volontariato ex legge n. 226/1991;

                               - Associazioni di promozione sociale ex legge n. 383/2000;

                               - Organizzazioni non governative ex art. 28 legge n. 287/1991 e ex legge n. 383/2000;

                               - Associazioni sportive dilettantistiche ex legge n. 398/1991;

                               - Enti lirici ex d.lgs. 367/1996;

                               - ONLUS ex d.lgs. n. 460/1997;

                               - Centri di formazione professionali ex legge n. 845/1978;

                               - Istituti di patronato ex legge n. 152/2001 e d.p.r. n. 1017/1986;

                               - Imprese sociali di cui al d.lgs. n. 155 del 24 marzo 2006.

10. Le start-up innovative.

SOGGETTI CHE NON POSSONO ESSERE AMMESSI ALLA PROCEDURA


Non possono essere ammessi i soggetti debitori:

  1. già assoggettati a procedure concorsuali diverse da quelle regolate dall'art. 7 c. 2 legge 3/2012;
  2. che hanno fatto ricorso nei cinque anni precedenti, ai procedimenti previsti per la composizione della crisi;
  3. che hanno subìto, per cause a loro imputabili, uno dei provvedimenti di cui agli artt. 14 e 14-bis (ovvero l'impugnazione e la risoluzione dell'accordo e la revoca e la cessazione degli effetti dell'omologazione del piano del consumatore);
  4. che hanno fornito documentazione che non consente di ricostruire compiutamente la sua situazione economica e patrimoniale.

O.C.C. - Punto informativo


Procedure Sovraindebitamento a cura de La Giustizia dei cittadini.


Giorni e orari: gli appuntamenti possono essere concordati inviando un’email a segreteriaocc@comune.carmignano.po.it oppure a comune.carmignano@postacert.toscana.it, o chiamando al numero 055 8750236.

La Giustizia dei cittadini

Tutela imprese e famiglie

bancaitajpeg
occ jpeguscita debiti jpegsovraind

PICCOLE E MEDIE IMPRESE mai sole con le banche!

TI AIUTIAMO NOI

e-mail:   segreteriaocc@comune.carmignano.po.it 

telefono:   055 8750236

loghisocial

Redazione

Privacy e cookies

w3ccss
w3cxhtml
bancaitajpeg

Lorem ipsum dolor sit amet

La Giustizia dei cittadini

Tutela imprese e famiglie

PICCOLE E MEDIE IMPRESE mai sole con le banche!



TI AIUTIAMO NOI

e-mail:   segreteriaocc@comune.carmignano.po.it 

telefono:   055 8750203

w3ccss
w3cxhtml
Web agency - Creazione siti web CataniaCreare un sito professionale